[logiciel creation site] [creation site internet] [creation site web] [Via Pulchritudinis - la Santa Messa tradizionale]
[Obiettivi di Cranmer]
[Via Pulchritudinis.net]

Home

Il canone della Messa
 - voci dal mondo tradizionale -

La lingua volgare e la santa tavola furono il mezzo pratico con cui Cranmer abituò
il popolo alle nuove dottrine.

La gente poteva ormai comprendere, con l’azione liturgica, che un semplice pasto non era un sacrificio - il Sacrificio - e che esso non implicava nient'altro che la consumazione del pane e del vino comuni.

Poteva anche comprendere che ciò veniva fatto in memoria di un avvenimento remoto.

Infatti, per coloro che non avevano istruzione religiosa, questi usi erano più suggestivi di ogni insegnamento dottrinale.

Nel breve periodo di cinque anni in cui, sotto il regno di Maria la Cattolica, l'Inghilterra tornò per l’ultima volta alla fede tradizionale, il Cardinal Pole insistette non solamente sulla restaurazione degli altari e della Messa, ma anche delle semplici cerimonie abolite da Cranmer (acqua benedetta, ceneri, olivo benedetto, ecc...), «con l’osservanza delle quali inizia l’educazione dei figli di Dio», tanto che la loro abolizione è il «punto iniziale» per gli eretici che tentano di distruggere
la Chiesa.

Ma il punto centrale dell’opera di Cranmer risiedeva evidentemente nell'esposizione teologica delle nuove credenze in una nuova forma liturgica.

La versione definitiva di quello che un tempo era stata la Messa, risultava - come ha sottolineato Gregory Dix - non una disordinata offensiva contro un rito cattolico, ma il solo tentativo, per la prima volta compiuto, di dare un'espressione liturgica alla dottrina della «giustificazione per mezzo della sola fede» .

E, considerata da questo punto di vista, tale versione fu un capolavoro.

La logica conseguenza della dottrina protestante fondamentale della «sola fede» era - e resta - l’abolizione dei sacramenti.

Le manifestazioni esteriori, ovviamente, non possono essere accettate come cause di grazia.

Lutero, naturalmente, lo aveva previsto
fin dall’inizio; mentre da una parte aboliva cinque sacramenti «minori», dall’altra attaccava:
l’uso della Comunione
sotto una sola specie,

la Transustanziazione,

e la dottrina dell’Eucarestia
come sacrificio,

cominciando così a minare dal di dentro ciò che non poteva negare, visto che il Battesimo, non meno che la Santa Comunione, erano innegabiImente comandati nel Nuovo Testamento.

Essendo impossibile sbarazzare il cristianesimo degli atti esteriori del Battesimo e dell’Eucarestia, occorreva assolutamente svuotarli di ogni reale significato.

Su questo punto furono unanimi tanto
i protestanti seguaci di Zwingli, quanto
i calvinisti ed i luterani.

Cranmer non poteva non convenire
con la logica di Zwingli «che la dottrina «Sola fides justificat» costituisce il fondamento ed il principio per negare che il Corpo di Cristo sia realmente presente nel Sacramento» ;

per questo - come abbiamo visto - attaccava la Messa con la stessa violenza di Lutero, il quale affermava: «Dichiaro che tutti i bordelli (benché Dio li abbia disapprovati severamente), tutti gli omicidi, uccisioni, ladrocinii e adulterii hanno fatto meno danno che l’abominio delIa messa papista» .

La contraffazione della Messa operata da Cranmer, si trova nei due Prayer Books del 1549 e del 1552. Ma, come i novatori di epoche posteriori, anch’egli pensava che fosse preferibile introdurre le innovazioni gradualmente per non suscitare reazioni immediate; pertanto non v’è dubbio che la versione del 1552 fu da lui prevista fin dall’inizio.

E poiché «la versione del 1552 fornisce ancora per il 95% la struttura della liturgia (anglicana) attuale», noi non considereremo qui che la liturgia del 1552.

Il Canone fu diviso in tre parti:

la «Preghiera per la Chiesa militante»,

la «Preghiera della Consacrazione»

e la cosiddetta «Preghiera dell’oblazione».

La prima corrisponde, grosso modo,
al Te igitur, al Memento Domine e al Communicantes;

la seconda all'Hanc igitur, al Quam Oblationem e al Qui pridie;

la terza all'Unde et memores, al Supra quæ e al Supplices te rogamus.

(Non c'è parallelismo per il Memento etiam, per il Nobis quoque Peccatoribus e per il Per Quem).

Per capire esattamente ciò che fece Cranmer, bisogna considerare nei particolari queste tre parti.